Home / POLITICA / MONTORO – ALLARME AMBIENTE, FRANCESCO TOLINO: “NON RESTIAMO CON LE MANI IN MANO”
Tolino

MONTORO – ALLARME AMBIENTE, FRANCESCO TOLINO: “NON RESTIAMO CON LE MANI IN MANO”

“L’ambiente e la tutela della salute dei nostri cittadini sono le priorità della nostra azione amministrativa e politica, non solo nelle dichiarazioni ma anche negli atti. Il nostro territorio è interessato da varie problematiche ambientali, che partono dall’acqua ed arrivano all’aria, per le quali bisogna definire una valutazione complessiva, sia delle condizioni reali che delle azioni da concretizzare. Ad oggi, tra le altre, subiamo una condizione di estrema difficoltà per gli odori che appestano varie aree”.

Il vice sindaco di Montoro Francesco Tolino torna a parlare della delicata e preoccupante vicenda dei miasmi che provengono dalla Solofrana.

“Sappiamo che Regione e Ministero dell’ambiente hanno un piano straordinario di interventi ma, purtroppo, non basta. Non basta perché burocrazia e lentezza amministrativa non vanno al passo con i bisogni dei cittadini”.

Cosa vuol dire ? “Ancora non abbiamo notizie circa la copertura delle vasche del depuratore. Non abbiamo notizie dell’affidamento della progettazione. Siamo preoccupati e non vogliamo restare con le mani in mano. Lo scorso 4 luglio abbiamo chiesto alla Regione Campania di approfondire la questione dell’inquinamento del fiume con un apposito tavolo ed attendiamo riscontro. Chiediamo a Regione e Ministero di ridurre i tempi per l’affidamento dei lavori che interesseranno il nostro territorio. Ad oggi non abbiamo ricevuto nessuna risposta”.

Ed allora a cosa state pensando ? “Dalle vie formali passiamo a quelle più semplici. Dalla Regione Campania attendiamo fatti e speriamo che questi messaggi possano giungere direttamente sulla scrivania del Governatore De Luca e dell’assessore Bonavitacola. Attenderemo ancora il trascorrere di qualche settimana, dopodiché daremo maggiore risalto alle nostre esigenze territoriali. Vanno adottati i tempi e le misure delle emergenze, non delle questioni ordinarie”.