Home / ATTUALITA' / ATRIPALDA – Cosorzio A5 al via ai progetti individualizzati per il Dopo di Noi
20190429_180659

ATRIPALDA – Cosorzio A5 al via ai progetti individualizzati per il Dopo di Noi

Si  è tenuto ieri pomeriggio presso la sede del consorzio in via Vincenzo Belli, un incontro per dare il via a due contratti individualizzati per l’attuazione del progetto “Dopo di Noi” per le persone con disabilità senza il necessario supporto familiare, misura a valere alla normativa 112/2016. All’incontro erano presenti le famiglie firmatarie del progetto, gli amministratori delegati del consorzio e gli operatori dell’ambito.  Una progettazione d’eccellenza che per il referente campano di Fish, Daniele Romano “può essere accolto e recepito anche nelle varie realtà sociali campane; il Consorzio A5 ha il merito di aver raggiunto un primato nella co-progettazione in Campania sul tema del dopo di noi ed è riuscita in pochissimi giorni, con la sua equipe a progettare in maniera dettagliata 9 percorsi individualizzati di autonomia per l’ammontare di 200.000 euro, risorse che se non fossero state investite, sarebbero ritornate indietro”, mentreMirko De Cicco, vice sindaco di Santo Stefano del Sole con delega di presidente dell’Assemblea del consorzio A5 parla “di un progetto e di sinergia che sono un vanto per l’ambito territoriale e che va a integrare azioni tese allo sviluppo  della socialità del territorio e dà grande sostegno alle fragilità, che possono diventare davvero una risorsa quando sono integrate nella vita della comunità”.

Carmine De Blasio, direttore del Consorzio A5, sottolinea: ” Questa misura di progettazione del “Dopo di Noi”, ha tre azioni una relativa all’assistenza personale, l’altra relativa all’abbattimento delle barriere architettoniche e infine il finanziamento della domotica. Alla firma del contratto di oggi, seguirà lo stanziamento del 70% dell’importo da parte della Regione a cui si aggiungerà un restante 30% a rendicontazione. Finalmente questa misura contribuirà a garantire per 12 mesi un benessere  dedicato alle persone disabili che intendono sperimentare la vita autonoma una best pratices  che meriterebbe ulteriori finanziamenti a copertura”.

Infine a chiudere l’incontro il presidente del Consorzio A5, Ciro Tango che ha voluto congratularsi con l’operato degli operatori e del direttore per questo nuovo primato nella progettazione dei servizi del Consorzio e con le famiglie che hanno aderito alla co -progettazione e alla sua buona riuscita.